Prati e pascoli arborati del formaggio di Santo Stefano

Un'area pascoliva che presenta paesaggi che derivano da sistemi agro-silvo-pastorali storici, gravitanti attorno alla foresta del Monte Penna, nel territorio comunale di Santo Stefano d'Aveto

Si tratta di un’area pascoliva, estesa per 1184 ettari nel comune di Santo Stefano d’Aveto.

La significatività del comprensorio risiede nella presenza di paesaggi che derivano da sistemi agro-silvo-pastorali storici, gravitanti attorno alla foresta del Monte Penna, dove il paesaggio presenta una bassa integrità poiché molte zone risultano trasformate a causa dei processi di forestazione seguiti all’abbandono.

Qui si produce il Formaggio de San Sté, prodotto a pasta semicotta da latte vaccino intero proveniente da bovine generalmente di razza Bruna, Cabannina e Meticcia, la cui stagionatura dura almeno due mesi.

La vulnerabilità del paesaggio dei prati-pascoli e pascoli alberati è dovuta all’abbandono del ciclo annuale di pratiche agro-silvo-pastorali, cioè a successione di sfalcio, pascolo, ripulitura invernale e uso del fuoco controllato che, in queste aree di particolare tradizione casearia, era a regime negli anni Settanta-Ottanta. L’abbandono ha alterato il rapporto ecologico tra strato erbaceo e alberi, avviando un vasto processo di arbustamento e forestazione con perdita progressiva della biodiversità storica nella flora erbacea, tra cui specie protette dalla legislazione regionale, e innesco di fenomeni erosivi dovuti all’instabilità dei boschi di neoformazione sugli antichi suoli pastorali.

Il crollo della produzione casearia si registra a partire dalla fine degli anni Novanta in seguito all’applicazione di normative igienico-sanitarie comunitarie, e la tendenza è amplificata dal mancato ricambio generazionale dei produttori. Un altro fattore di vulnerabilità è costituito dai rischi elevati di nuove privatizzazioni, con erosione dei diritti collettivi, che andrebbero invece potenziati ed estesi, almeno in forma sperimentale ai fini della gestione dei pascoli.

Prati e pascoli arborati del formaggio di Santo Stefano

Condividi con amici e follower...

SEMPRE INFORMATA/O!

Per rimanere aggiornata/o sulle novità di SIMTUR (eventi, progetti, attività, notizie dai territori), non dimenticare di seguire la pagina Facebook.
Il bottone "Mi piace" è importante ma non più sufficiente: è necessario cliccare sui 3 puntini e spuntare la voce "Segui".

Segui SIMTUR su Facebook

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

E' sufficiente inserire l’indirizzo e-mail nell’apposito modulo e accettare la privacy policy per iniziare a ricevere la newsletter di SIMTUR.
Se ti fa piacere, puoi anche iscriverti al canale Telegram. È gratis e puoi annullare l'iscrizione in qualsiasi momento, senza impegno...

altri paesaggi rurali...

rurability: la piattaforma italiana delle migliori pratiche di sviluppo rurale sostenibile

Entra in contatto per conoscere le molteplici opportunità di cooperazione territoriale.

Contattaci senza impegno per attivare nel tuo territorio un progetto di valorizzazione dell'agrobiodiversità.