Bosco delle Sorti della Partecipanza di Trino

Nei dintorni di Trino, nelle risaie che circondano il bosco si producono i "risi tradizionali della Valle del Po" riconosciuti come Prodotti Agroalimentari Tradizionali dal Ministero delle Politiche agricole

L’area relativa al Bosco delle Sorti della Partecipanza di Trino, estesa per 1520 ettari, è ubicata nel comune di Trino, e in piccola parte nei comuni di Ronsecco e Tricerro.

La significatività dell’area è legata ad una molteplicità di elementi connessi principalmente alla persistenza storica della forma di gestione comunitaria legata alla Partecipanza. Il bosco è una formazione mista di querco-carpineti e in minor misura alneti, strettamente collegata alle risaie circostanti, che, influenzando il livello della falda idrica anche all’interno del bosco, favoriscono ristagni di acqua temporanei.

E’ indubbio che le particolari modalità della gestione collettiva sono il motivo per cui il bosco fu sottratto allo sfruttamento agricolo che caratterizza l’area del basso Vercellese. Nelle risaie che circondano il bosco si producono i “risi tradizionali della Valle del Po” riconosciuti come Prodotti Agroalimentari Tradizionali dal Ministero delle Politiche agricole.

Il Bosco della Partecipanza di Trino conserva sicuramente la sua integrità, non solo dal punto di vista dell’estensione. La fruizione da parte dei soci-partecipanti prevede che ogni anno una particella venga sottoposta al taglio, dopo essere stata suddivisa in un determinato numero di aree minori, “sorti” o “punti”. I partecipanti sono chiamati a estrarre a sorte uno dei “punti”, da cui “Bosco delle Sorti“. È evidente che il bosco rappresenta un lascito storico di una forma di proprietà (quella collettiva) oggi considerata residuale. Al momento attuale non sembra siano presenti elementi di vulnerabilità e di minaccia concreti.

Bosco delle Sorti della Partecipanza di Trino

Condividi con amici e follower...

SEMPRE INFORMATA/O!

Per rimanere aggiornata/o sulle novità di SIMTUR (eventi, progetti, attività, notizie dai territori), non dimenticare di seguire la pagina Facebook.
Il bottone "Mi piace" è importante ma non più sufficiente: è necessario cliccare sui 3 puntini e spuntare la voce "Segui".

Segui SIMTUR su Facebook

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

E' sufficiente inserire l’indirizzo e-mail nell’apposito modulo e accettare la privacy policy per iniziare a ricevere la newsletter di SIMTUR.
Se ti fa piacere, puoi anche iscriverti al canale Telegram. È gratis e puoi annullare l'iscrizione in qualsiasi momento, senza impegno...

altri paesaggi rurali...

rurability: la piattaforma italiana delle migliori pratiche di sviluppo rurale sostenibile

Entra in contatto per conoscere le molteplici opportunità di cooperazione territoriale.

Contattaci senza impegno per attivare nel tuo territorio un progetto di valorizzazione dell'agrobiodiversità.