La guerra continua, il cibo è sempre più caro

L'Ucraina granaio d’Europa, si diceva una volta: insieme alla Russia esporta il 25% del mercato globale. Nelle settimane del conflitto il prezzo del grano sui mercati è salito di oltre il 30%.

In poche settimane, lo scenario alimentare è diventato scenario di guerra: lo prospetta la FAO, secondo cui i prezzi mondiali dei prodotti alimentari hanno subito un’impressionante accelerata a marzo, raggiungendo i livelli più alti di sempre, con il diffondersi della guerra nella regione del Mar Nero e le ripercussioni che hanno travolto i mercati dei cereali di base e degli oli vegetali.

L’indice dei prezzi dei prodotti alimentari elaborato dall’Organizzazione internazionale si è attestato su una media di 159,3 punti a marzo: un aumento del 12,6% rispetto a febbraio, mese in cui era già stato raggiunto il massimo livello dalla creazione dello stesso nel 1990. Il calcolo rileva le variazioni mensili dei prezzi internazionali di un paniere di prodotti alimentari largamente commercializzati. L’ultimo livello è stato più alto del 33,6% rispetto al marzo del 2021 e tratteggia uno scenario allarmante soprattutto per i Paesi emergenti: carestie, malnutrizioni, rivolte sociali.

La situazione in Ucraina

L’Ucraina granaio d’Europa, si diceva una volta, insieme alla Russia esporta il 25% del mercato globale. Nelle settimane del conflitto il prezzo del grano sui mercati è salito di oltre il 30%. A marzo la produzione ucraina è diminuita di 15mila tonnellate rispetto a febbraio. Il sotto indice FAO dedicato al frumento ha segnato un’impennata del 17%, toccando il valore più elevato da 32 anni a questa parte.

L’Ucraina è il principale esportatore di olio di semi di girasole e – di conseguenza – sono aumentati anche i prezzi dell’olio vegetale (+23,2%). Ma anche olio di palma, soia e colza. Anche lo zucchero registra un aumento, con un +6,7% rispetto a febbraio e un +20% rispetto a marzo 2021. Il fattore determinante è stato l’aumento dei costi del petrolio, anche se le prospettive di produzioni favorevoli in India hanno impedito che il rincaro fosse ancora maggiore.

13 milioni di persone senza cibo

Secondo le stime della FAO, 50 Paesi in via di sviluppo vengono approvvigionati di grano per almeno il 30% da Russia e Ucraina e per 26 la percentuale si avvicina al 50%. Un ruolo centrale quello dei due Paesi oggi al centro del conflitto, che sempre secondo gli scenari dell’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura, potrebbe portare fino a 13 milioni di nuove persone senza cibo nel mondo.


Notizie come queste aiutano a comprendere come, in un mondo ormai interamente interconnesso, i temi dell’agricoltura e del cibo non sono lontani da altri grandi temi come la pace e l’equità, come suggerisce l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

La guerra continua, il cibo è sempre più caro

Condividi con amici e follower...

SEMPRE INFORMATA/O!

Per rimanere aggiornata/o sulle novità di SIMTUR (eventi, progetti, attività, notizie dai territori), non dimenticare di seguire la pagina Facebook.
Il bottone "Mi piace" è importante ma non più sufficiente: è necessario cliccare sui 3 puntini e spuntare la voce "Segui".

Segui SIMTUR su Facebook

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

E' sufficiente inserire l’indirizzo e-mail nell’apposito modulo e accettare la privacy policy per iniziare a ricevere la newsletter di SIMTUR.
Se ti fa piacere, puoi anche iscriverti al canale Telegram. È gratis e puoi annullare l'iscrizione in qualsiasi momento, senza impegno...

Un paesaggio al giorno...

Per essere parte del cambiamento non è necessario essere eroi

Per essere parte del cambiamento non è necessario essere eroi

Sottoscrivi il manifesto di valori BioSlow ed entra a far parte della rete nazionale! L'adesione è gratuita ma non priva di impegni: porta il tuo contributo, condividi le tue idee, attivati e diventa subito protagonista...